Infertilità: necessità di aumento delle cure - AIMS Eventi
Come spostare i Crediti ECM
Guida all’acquisizione dei Crediti ECM degli anni precedenti 
5 Aprile 2023
Tumore al cancro - Cure con l'Intelligenza Artificiale
Tumore al polmone: nuove cure grazie all’intelligenza artificiale
13 Aprile 2023

Infertilità: necessità di aumento delle cure

Infertilità e accesso alle cure

Infertilità e accesso alle cure

Secondo un nuovo rapporto dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), circa il 17,5% della popolazione adulta nel mondo – pari a circa 1 su 6 persone – soffre di infertilità.

Un dato, questo, che dimostra l’urgente necessità di aumentare l’accesso alle cure per la fertilità di alta qualità a prezzi accessibili per chi ne ha bisogno. Le nuove stime mostrano una variazione limitata nella prevalenza dell’infertilità tra le regioni e i tassi sono comparabili per i paesi ad alto, medio e basso reddito, dimostrando di come questa patologia sia una delle principali sfide per la salute a livello globale.

La prevalenza una tantum era del 17,8% nei paesi ad alto reddito e del 16,5% nei paesi a basso e medio reddito. «Il rapporto rivela un’importante verità: l’infertilità non discrimina», ha affermato il Dottor Tedros Adhanom Ghebreyesus, Direttore generale dell’OMS, che prosegue: «L’enorme percentuale di persone colpite mostra la necessità di ampliare l’accesso alle cure per la fertilità e garantire che questo problema non sia più messo da parte nella ricerca e nella politica sanitaria, in modo che siano disponibili modi sicuri, efficaci e convenienti per ottenere la genitorialità per coloro che lo cercano».

Trattamento e costi

L’infertilità è una malattia del sistema riproduttivo maschile o femminile, definita dal mancato raggiungimento di una gravidanza dopo 12 mesi o più di rapporti sessuali regolari non protetti. Può causare disagio, stigma e difficoltà finanziarie, influenzando il benessere mentale e psicosociale delle persone.

Nonostante l’entità del problema, le soluzioni per la prevenzione, la diagnosi e il trattamento dell’infertilità, comprese le tecnologie di riproduzione assistita come la fecondazione in vitro, rimangono sotto-finanziate inaccessibili a molti a causa dei costi elevati, dello stigma sociale e della disponibilità limitata.

Attualmente, nella maggior parte dei paesi, i trattamenti per la fertilità sono in gran parte finanziati di tasca propria, spesso con costi finanziari importanti.

Le persone nei paesi più poveri spendono una percentuale maggiore del loro reddito in cure per la fertilità rispetto alle persone nei paesi più ricchi e i costi elevati spesso impediscono alle persone di accedere ai trattamenti per l’infertilità o, in alternativa, possono catapultarle nella povertà come conseguenza della ricerca di cure.

«Milioni di persone affrontano costi sanitari catastrofici dopo aver cercato cure per l’infertilità, rendendo questo un importante problema di equità e, troppo spesso, una trappola della povertà medica per le persone colpite», ha concluso la Dott.ssa Pascale Allotey, direttore del Programma speciale delle Nazioni Unite per la ricerca, lo sviluppo e la formazione alla ricerca sulla riproduzione umana (HRP).

In questo contesto, dunque, l’OMS ha finanziato un’altra ricerca pubblicata sulla rivista Human Reproduction Open, che ha analizzato i costi associati ai trattamenti per l’infertilità nei paesi a basso e medio reddito. L’analisi ha rivelato che i costi diretti per un singolo ciclo di fecondazione in vitro (IVF) sono spesso superiori al reddito medio annuo dei pazienti, il che indica un costo eccessivo per la maggior parte delle persone in queste parti del mondo.

superfad