Obbligo ECM, proroga del triennio formativo
Obbligo ECM: triennio 2020-2022 prorogato di un anno
2 Gennaio 2023
Corsi residenziali - cosa significa
Corsi RES: novità in casa Eventi
12 Gennaio 2023

ECM per professioni sanitarie: tutto quello che c’è da sapere

ECM Agenas, cosa sapere

ECM Agenas, cosa sapere

La frase “non si smette mai di imparare” rispecchia a pieno la condizione di chiunque lavori in ambito sanitario. La laurea in medicina, così come in infermieristica e in tutte le diverse professioni similari, non basta: acquisire nuove conoscenze, abilità e attitudini è una parte imprescindibile del mestiere.

Un importante impulso nel mondo della Sanità è stato dato nel 2002 con l’avvio del Programma Nazionale di Educazione Continua in Medicina (ECM), che ha istituito l’obbligo di aggiornamenti per i professionisti del settore.

Strutturato in trienni – ora in vigore, in via eccezionale, il quadriennio 2020-2023 – il progetto è nato come competenza del Ministero della Salute, ma, a partire dal 1° gennaio del 2008, con l’entrata in vigore della Legge 24 dicembre 2007, n. 244, la gestione amministrativa è stata trasferita all’Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali (Agenas).

Gli operatori sanitari, dunque, hanno come obbligo deontologico quello di mettere in pratica nuove conoscenze e competenze per riuscire a restare aggiornati e per soddisfare sempre al meglio i bisogni del paziente, ma non solo.

Da quando inizia l’obbligo di acquisire ECM

Ma quando inizia l’obbligo formativo degli ECM? L’Educazione Continua in Medicina decorre dal 1° gennaio dall’anno solare successivo a quello di iscrizione all’Albo professionale, elenco o registro, e non ha nulla a che vedere con l’anno di conseguimento del titolo di studio.

Formazione Continua in Medicina, chi deve conseguire i crediti

La Formazione Continua in Medicina riguarda tutto il mondo sanitario. Nello specifico, ecco quali sono tutte le professioni che devono acquisire i crediti ECM:

  • Assistente Sanitario
  • Biologo
  • Chimico
  • Dietista
  • Educatore Professionale
  • Farmacista
  • Fisico
  • Fisioterapista
  • Igienista dentale
  • Infermiere
  • Infermiere Pediatrico
  • Logopedista
  • Medico chirurgo
  • Odontoiatra
  • Ortottista – Assistente di Oftalmologia
  • Ostetrico
  • Podologo
  • Psicologo
  • Tecnico Audiometrista
  • Tecnico Audioprotesista
  • Tecnico della Fisiopatologia Cardiocircolatoria e Perfusione Cardiovascolare
  • Tecnico della Prevenzione nell’Ambiente e nei Luoghi di Lavoro
  • Tecnico di Neurofisiopatologia
  • Tecnico Ortopedico
  • Tecnico Riabilitazione Psichiatrica
  • Tecnico Sanitario di Laboratorio Biomedico
  • Tecnico Sanitario di Radiologia Medica
  • Terapista della Neuro e Psicomotricità dell’Età Evolutiva
  • Terapista Occupazionale
  • Veterinario

Che succede se non si conseguono tutti gli ECM? Cosa prevede la legge

Capita spesso, tuttavia, che i professionisti dimentichino di adempiere all’acquisizione di tutti i crediti. La legge n. 214/2011, a tal proposito, codifica a livello l’obbligo legislativo di conseguire gli ECM e recita in merito al mancato raggiungimento: “La violazione dell’obbligo di formazione continua determina un illecito disciplinare e come tale è sanzionato sulla base di quanto stabilito dall’ordinamento professionale”.

In sintesi, chi non è in regola entro il quadriennio formativo (quello attuale scade il 31 dicembre 2023), può rischiare:

  • avvertimento, ovvero un invito formale per rimediare al mancato assolvimento;
  • censura, ovvero una dichiarazione formale di disapprovazione per il mancato assolvimento;
  • sospensione da un minimo di 1 mese a un massimo di 6 mesi;
  • radiazione dall’ordine.

MyECM: dove conteggiare i crediti acquisiti

Conteggiare i crediti acquisiti è possibile: il servizio dell’Agenas myECM consente di accedere a tutte le informazioni riguardanti la propria situazione formativa.

Dopo essersi autentificati tramite SPID, CIE o Credenziali ECM, ogni professionista sanitario potrà monitorare i crediti acquisiti fino a quel momento.

Su myECM si può:

  • verificare l’ammontare dei crediti ECM, suddivisi per anno e tipologia di offerta formativa (formazione a distanza, residenziale e sul campo);
  • controllare un elenco degli eventi formativi per i quali ha conseguito crediti, contenente tutte le informazioni relative a ciascuno di essi;
  • consultare un elenco di eventi di prossimo svolgimento, filtrato in maniera automatica dal sistema sulla base delle discipline associate.

AIMS Eventi – Provider Nazionale Standard – ID 5293

Per acquisire i crediti ECM, dunque, è necessario affidarsi all’ente riconosciuto come soggetto qualificato nell’Educazione Continua in Medicina e quindi abilitato all’organizzazione di attività formative adeguate.

Tra queste c’è AIMS EventiProvider Nazionale Standard abilitato all’assegnazione diretta degli ECM ai partecipanti.

Sezione di AIMS SrlEventi è dedicata alla formazione specialistica accreditata e offre Corsi, Master – in modalità RES, FAD e Blended – rivolti a tutte le professioni sanitarie.

Dopo aver selezionato il Corso – RES o FAD – di proprio gradimento, basterà compilare il form, accessibile dal bottone “Iscriviti”. Gli ECM saranno riconosciuti al discente solo in seguito al superamento della verifica di apprendimento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.